Ismaël Joffroy Chandoutis

Swatted - Still 1.jpeg
Screen Shot 2019-03-18 at 10.58.43 PM.png

SWATTED

digital video, color, sound, 21’. 2018. France.

Tra i troll americani, è assai diffusa la pratica dello swatting durante una sessione di gioco online, che consiste nell’individuare il nome e indirizzo fisico di una potenziale bersaglio, impersonarlo durante una telefonata quale si richiede l’intervento urgente della polizia a causa di un’imminente minaccia. Nella maggior parte dei casi, una squadra SWAT si presenta armata fino ai denti a casa della vittima, arrestando il presunto criminale. L'episodio è trasmesso in diretta dalla webcam del computer, in modo che tutti possano assistere, a distanza, e partecipare alla “bravata”. Prodotto grazie all’appropriazione di materiali eterogenei, tra cui autentiche telefonate alla polizia, video delle incursioni della polizia caricati su YouTube e resoconti diretti delle vittime, Swatted è un’esplorazione cinematografica del fenomeno. Animazioni ipnotiche e quasi surreali esplorano la misteriosa terra di confine in cui videogiochi e realtà si sovrappongono - una zona liminale in cui la violenza simulata e lo swatting paiono intercambiabili. Infine, Swatted solleva interrogativi sulle motivazioni dei troll: si tratta di una semplice goliardata, perpetrata con tecnologie moderne oppure gli autori sono consapevoli che si tratta di un crimine molto serio?

Among American trolls, it has become almost customary to get other players swatted during a live game session. After finding the name and real life location of their targets, the perpetrators impersonate the victims and call the police, requesting their intervention due to an imminent, violent threat. In most cases, a SWAT team promptly shows up at the victim’s home, arresting the presumed criminal. The raid is streamed live on camera, so that everyone can witness remotely and be on the joke. A cinematic exploration of this popular “prank”, Swatted was created using a variety of sources, including authentic 911 phone calls made by offenders, YouTube videos of police raids, and first-hand accounts of the victims. Mesmerizing, almost surreal animations explore and illustrate the uncanny borderland where video game and reality overlap — a liminal zone in which simulated violence and swatting look increasingly similar. Above all, Swatted raises questions about the offenders’ motivations: is swatting simply a mischievous act intended as a joke, perpetrated using modern technology, or are the trolls aware that it constitutes a serious crime with serious consequences for the parties involved?

l’artista

THE ARTIST

Ismaël Joffroy Chandoutis si è laureato all'INSAS (Belgio) in montaggio, alla Scuola d'Arte di Sint-Lukas (Belgio) in cinema e a Fresnoy (Francia). La sua pratica esplora un cinema ibrido, che trascende generi consolidati. I suoi film esaminano temi legati alla memoria, al virtuale, alla tecnologia e agli spazi liminali che separano i vari libvelli di realtà. Il suo film Ondes Noires è stato presentato a molti festival internazionali, tra cui l'IDFA, il Clermont-fd Short Film Festival, il Regensburg Short Film Festival e altri ancora e ha ricevuto numerosi premi, tra cui il Prix Festivals Connexion Auvergne Rhône Alpes di Clermont-Ferrand, il Grand Prix e il Premio della Giuria per giovani filmmaker al Festival di Regensburg. Ismael è anche montatore cinematografico. Vive e lavora a Parigi.

Ismaël Joffroy Chandoutis graduated from INSAS (Belgium) in editing, from Sint-Lukas Art School (Belgium) in filmmaking and from Fresnoy (France). His work explores a hybrid cinema that transcends the boundaries of genre. His films explore themes related to memory, the virtual, technology, and the liminal spaces between worlds and words. His film Ondes Noires was screened in several international festivals, such as the IDFA, the Clermont-fd Short Film Festival, the Regensburg Short Film Festival and many more, and received numerous awards, including the Prix Festivals Connexion Auvergne Rhône Alpes in Clermont-Ferrand, the Grand Prix and the Youth Jury Prize at the Regensburg Festival. Ismael is also a film editor. He lives and works in Paris.